RSS Feed
Feb 25

Presentazione della campagna per la chiusura degli O.P.G. – venerdì 27 febbraio

Posted on mercoledì, febbraio 25, 2015 in comunicati

opg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu 24

Giovedì 3 Luglio |Presentazione dossier sulla vivisezione a Genova + buffet + videoproiezione

Posted on martedì, giugno 24, 2014 in comunicati

Giovedì 3 Luglio |Presentazione dossier sulla vivisezione a Genova + buffet + videoproiezione
h.19 apericena a buffet VEGAN benefit
h.20 presentazione del dossier sulla vivisezione a Genova a cura di Liberazione Animale Genova
h.21 proiezione di video sulla storia dell’ALF
Il dossier è scaricabile gratuitamente direttamente dal sito http://www.liberazioneanimalegenova.org/esce-il-dossier-vivisezione-a-genova/

Il dossier informativo ‘Vivisezione a Genova’ nasce da un lavoro di ricerca, elaborazione e traduzione portato avantii durante l’ultimo anno dal collettivo di persone che fanno parte del progetto ‘ Liberazione Animale Genova’

In questo lavoro si è cercato di tradurre e semplificare circa 40 esperimenti su animali compiuti a Genova, o da ricercatori/trici genovesi in altre strutture. Si è voluto comprendere e far comprendere, leggendo tra le righe del linguaggio specifico medico e scientifico, cosa accade ogni giorno a milioni di animali all’interno dei laboratori di vivisezione.
Le ragioni che ci hanno spinto a produrre questo dossier informativo sulla vivisezione, in un momento in cui l’argomento è particolarmente dibattuto e sentito, sono molteplici.

Innanzitutto la volontà di contestualizzare questa pratica in un percorso di critica più ampia, che tenti, per quanto difficile, di offrire una prospettiva di analisi radicale del problema, ma anche di rendere concreta quella sofferenza che spesso, di fronte alla complessità ed alla vastità dello sfruttamento animale, diviene astratta, generalizzata e quindi meno percepibile.

A nostro avviso combattere lo sfruttamento animale, e la vivisezione nello specifico, significa prima di tutto studiarne e comprenderne le dinamiche interne, capire come funziona e perché, individuarne i punti deboli per elaborare strategie efficaci contro di essa.

Significa dare un luogo ed una data a quegli esperimenti che altrimenti si perderebbero tra le migliaia di migliaia di altri, dare un nome a coloro che li hanno eseguiti, parlare delle storie di quegli animali che in essi sono morti e da esse generare la motivazione per il cambiamento.

Questo dossier informativo, in ultima analisi, vuole ispirare rinnovata motivazione nella lotta contro la vivisezione, lasciando ad ogni individuo la scelta di come utilizzare le informazioni presentate su queste pagine e contrastare attivamente questa industria nei molti modi possibili che volontà ed immaginazione suggeriscono.

0307_web

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen 13

Quando la dignità diventa follia – incontro antipsichiatrico con Sabatino Catapano – Ven 17 gennaio h. 20.00

Posted on lunedì, gennaio 13, 2014 in comunicati

sabatino 3

Nov 7

Giornata di mobilitazione contro il Festival della Scienza (2 novembre)

Posted on giovedì, novembre 7, 2013 in comunicati

 

Anche quest’anno a Genova si è tenuto, dal 23 ottobre al 3 novembre, il ‘Festival della Scienza’- tema dell’evento ‘ La Bellezza’.

Anche quest’anno questa parata promozionale della tecnologia dal volto amico finanziata da banche, aziende private ed istituzioni pubbliche è stata visitata da migliaia di persone, ora convinte di potersi fidare di bio e nanotecnologie piuttosto che di droni e robot umanoidi in quanto elementi ineluttabili di un progresso sempre più affascinante e a portata di mano, simboli di vite sempre più facili, sempre più ‘smart’.

Non occorre una lunga riflessione per identificare la palese, seppur sottile, funzionalità strategica di iniziative come il ‘Festival della Scienza’: presentare nocività e tecnologie di dominio e controllo al grande pubblico in modo accattivante. Con una attenzione maniacale al dettaglio ed al linguaggio la realtà viene capovolta e tutto ciò che ogni giorno permette alla società dello sfruttamento di perpetuarsi diviene attraente… una volta presentato sotto le luci di questa luccicante vetrina.

Tra le tante conferenze ed appuntamenti, due hanno colto la nostra attenzione per la loro sfrontatezza, a partire dai titoli: ‘L’uso degli animali nella ricerca biomedica – Perché, come e quando’ ed ‘Il futuro in tavola : la sfida degli OGM sostenibili’. Entrambe le conferenze si sono tenute sabato 2 novembre.

Durante la prima un manipolo di vivisettori di lunga data, aspiranti tali, un paio di giornaliste imbonite e un esponente del famigerato gruppo ‘Pro-Test’ tentavano in un assolo accorato di reclamare il proprio diritto e dovere di torturare animali in nome del progresso della scienza biomedica in Italia; mentre nella seconda Pamela Ronald, scienziata dell’università americana di Davis, balzata agli onori della cronaca per aver ‘inventato’ un riso resistente agli acquazzoni ha illustrato come la sua spiccata capacità di modificare irreversibilmente il vivente (anche qui, da ben intendersi, per il bene dell’umanità) possa convivere con la passione del marito che invece è, a quanto pare, contadino biologico.

In occasione del primo appuntamento la presenza di una protesta già organizzata da alcuni gruppi animalisti locali aveva allertato polizia e digos, presenti in forze davanti agli ingressi. Ciò non ha impedito, con un po’ di fantasia e fortuna, di entrare ad almeno uno di noi, che ha lanciato sugli spettatori coriandoli con su scritto ‘ Vivisezione è morte’ e ‘Vivisezione è tortura. La non proprio prontissima reazione dei solerti tutori dell’ordine ha dato poi la possibilità a chi è entrato di ricordare agli eminenti&attoniti relatori cosa pensiamo di loro e del loro lavoro per un paio di minuti, sino ad essere poi trascinato fuori a forza. Durante la seconda conferenza invece non siamo purtroppo riusciti /e ad entrare in sala. La protesta si è svolta quindi all’esterno, all’ingresso del Festival, dove abbiamo esposto uno striscione con scritto ‘Il vostro progresso è insostenibile – fermiamo le nocività’ ed abbiamo distribuito volantini a chi entrava spiegando al megafono le ragioni di una opposizione radicale alle biotecnologie.

Il ‘Festival della Scienza’ non è che una delle tante occasioni nelle quali i responsabili dello scempio ecologico attuale e dello sfruttamento animale ed umano escono allo scoperto nel tentativo di ripulirsi l’immagine e garantirsi il consenso delle persone.

Sta a noi trovare il modo migliore per fare in modo che non riescano a farlo indisturbati.

Durante le iniziative abbiamo diffuso due volantini, i cui testi riportiamo sotto.

***VIVISEZIONE ETICA? Le vostre menzogne grondano sangue.***

Per vivisezione si intende qualsiasi tipo di esperimento che preveda l’utilizzo di cavie animali. I campi di applicazione di questa pratica sono i più disparati: ricerca medica, chimico-farmaceutica, bellica, cosmetica. Nel corso della storia questo ha significato, per gli animali, subire ogni tipo di tortura. Avvelenamenti, ustioni, ferimenti, amputazioni, trapianti. Impossibile quantificare la sofferenza, immaginare il numero di individui ‘sacrificati’ in nome del progresso.

Dopo il ‘caso Green Hill‘ ( la chiusura di uno dei più grandi allevamenti di cani per i laboratori in Europa) la sperimentazione animale è divenuta argomento dibattuto e largamente discusso, spesso con voluta superficialità ed esclusivamente in ottica utilitarista:se serve al progresso della scienza è da ritenersi accettabile, se si dimostra inutile invece no.

Dalla nostra, ribadiamo che la vivisezione sia aberrante ed inaccettabile a prescindere alla utilità reale o presunta che essa possa, in minima parte, avere. Obbligare esseri viventi che, come ognuno/a di noi, anelano ad una vita libera ed autonoma, in luoghi asettici nei quali la monotonia di giorni sempre uguali è rotta solo dalla routine degli esperimenti, dal ripetersi delle torture, è eticamente inaccettabile e per questa ragione è necessario opporvisi.

Ci troviamo a vivere in un contesto ecologico nel quale le nocività sono divenute parte di ciò che mangiamo e respiriamo ogni giorno, in un contesto sociale nel quale vite sempre più apatiche ed alienate sono fonte di stress costante e delle patologie più disparate, eppure il mito intoccabile della scienza come verità assoluta, e degli scienziati come portatori di questa verità, non è stato scalfito. Invece di mettere in discussioni le ragioni per le quali ci ammaliamo e ridefinire i nostri modi di vivere e l’attuale sistema di produzione e consumo industriale, si opta per trovare soluzioni pronte per il mercato torturando ed imprigionando coloro che con noi condividono questo pianeta, gli animali.

A causa della crescente attenzione verso il problema i responsabili, coloro che in quei laboratori costringono un numero incalcolabile di ratti, topi, cavie, conigli, cani, gatti, scimmie, maiali, pesci e decine di altri animali ad una vita di agonia, costretti in spoglie gabbie metalliche privati di ogni basilare necessità, hanno iniziato a comprendere che le menzogne con le quali hanno potuto difendersi sino ad ora non bastavano più, che la favoletta del ‘Preferisci tuo figlio o un topo’ ha ormai fatto il suo tempo.

I vivisettori sono costretti ad uscire allo scoperto e difendere l’indifendibile, a ripulirsi la faccia in pubblico. Ed ecco apparire ricercatori in camice bianco su giornali e televisioni li a ricordarci quanto hanno fatto e stanno ancora facendo per ‘il bene dell’umanità’, il proliferare di esperti in pubbliche relazioni assoldati per gestire l’immagine del mondo della ricerca attraverso siti internet dedicati e pubblicità in strada, arrivando alla creazione di veri e propri gruppi organizzati a difesa della vivisezione, come l’ormai noto ‘ Pro- Test‘, nato in Inghilterra alcuni anni fa, ed ora arrivato anche da queste parti nella sua maccheronica versione.

Gatto torturato nell’Università americana del Wisconsin-Madison in esperimenti sulla ‘localizzazione del suono’, la foto è dell’anno scorso. Questa è la ‘scienza’ che i relatori della conferenza si proponevano di illustrare.

Gatto torturato nell'Università americana del Wisconsin-Madison in esperimenti sulla 'localizzazione del suono', la foto è dell'anno scorso. Questa è la 'scienza' che i relatori della conferenza si proponevano di illustrare.

 

Nel contesto di questo disperato tentativo di propagandare la vivisezione si iscrive la conferenza ‘L’uso degli animali nella ricerca biomedica‘, all’interno del Festival della Scienza 2013, durante la quale vivisettori noti e meno noti, insieme ad alcuni ‘promotori’ della ricerca con animali ed esponenti della lobby chimico-farmaceutica, tenteranno di spiegare alle persone quale siano le loro ragioni valide per sfruttare, imprigionare, seviziare e torturare animali in nome della loro concezione di progresso.

A queste persone non abbiamo molto da dire, conosciamo da tempo le loro risposte e non ci interessa fare altre domande. Siamo noi, questa volta, a voler dire loro qualcosa.

Il castello di carte che vi trovate a difendere sta crollando. In diverse parti del mondo si è iniziato ad attaccare l’impero della vivisezione nei modi più disparati e portando fuori da allevamenti e laboratori non solo centinaia di animali, ma anche le immagini di cosa accade davvero al loro interno. Il prezzo delle cavie sta salendo vertiginosamente grazie ai continui successi di campagne di pressione specifiche contro le aziende responsabili del trasporto di animali.

E non ci importa delle vostre 3R, dei vostri ‘comitati etici’ e dei vostri tentativi di mistificazione della realtà, ciò di cui ci importa sono quei milioni di esseri senzienti che in quei laboratori nascono, vivono e muoiono.

Ci importa saperli liberi, e sapere che dei vostri laboratori e delle vostre gabbie non restino che macerie.

 

—————————————————————————————————————————–

 

 

Sabotaggio di un campo di colza OGM in Inghilterra. In tutto il mondo azioni come questa si sono verificate in seguito ai tentativi di insediare sui territori colture geneticamente modificate.

Sabotaggio di un campo di colza OGM in Inghilterra.
In tutto il mondo azioni come questa si sono verificate
in seguito ai tentativi di insediare sui territori colture geneticamente modificate.
 

***UNA TRANSGENICA BELLEZZA***

Anche quest’anno il Festival della Scienza è ospitato a Genova e sceglie, alla sua decima edizione, di dedicare l’evento

alla “Bellezza”. Il tentativo è quello di mostrare la scienza nel suo lato di pura speculazione e riflessione, d’osservazione della realtà e

ei suoi misteri, di intervento positivo nello sviluppo, nella ricerca, nel migliorare la società, come se la scienza non avesse un ruolo decisivo in trasformazioni radicali del mondo in cui viviamo.d

Sabotaggio di un campo di colza OGM in Inghilterra. In tutto il mondo azioni come questa si sono verificate in seguito ai tentativi di insediare sui territori colture geneticamente modificate.

Il tutto condito da ammiccamenti e strette di mano, porte spalancate al pubblico che deve diventare partecipante e partecipe dei segreti del nostro universo. C’è spazio per tutti, venite e vi sarà spiegato.
Gli scienziati, santi contemporanei che brandiscono bosoni come un tempo si brandiva la croce, sono qui a predicare e convertire. E con lo stesso timor di Dio li accogliamo, un Dio laico e razionale, ma non per questo meno totalitario e autoritario. Le leggi del progresso sostituiscono i dieci comandamenti, ma nulla cambia: il gregge condotto dai pastori, il meravigliato stupore, l’obbedienza. Tutto viene ricondotto al progresso, la nuova Provvidenza, che ci condurrà inevitabilmente verso un futuro migliore, efficiente, produttivo, razionale.

Ma una religione non esiste senza fedeli e non sopporta la presenza di eretici. Allora ci invitano a “partecipare informati”, ma cosa significa partecipare: ascoltare? recepire? subire? Ecco perché costruiscono la propaganda sulla presunta sostenibilità degli organismi geneticamente modificati, o sull’uso pulito del nucleare (nonostante Fukushima) o perché portano a giocare i bambini con piccoli droni (concepiti in realtà non per giocare, ma per bombardare popolazioni e territori comodamente seduti in qualche base militare dall’altra parte del globo). Per abituarci, per educarci al disastro che costruiscono e pretenderebbero di gestire.

La sostenibilità degli OGM e di altre creazioni della tecnologia è presto detta: essa è direttamente proporzionale alla supposta neutralità della scienza che l’ha prodotta. Una scienza totalmente determinata dagli interessi, dall’ideale e dal modello di società che l’ha forgiata – non soltanto perché asservita alle multinazionali e lobby economiche che la finanziano, ma perché perfettamente funzionale alla riproduzione e conservazione di una struttura sociale che si fonda sullo sfruttamento dei pochi sui molti e sul mondo che ci attornia. Sostenibilità è la parola magica che apre le porte della nostra diffidenza, quando in realtà ben sappiamo che, come le scorie radioattive del nucleare rendono qualsiasi suo uso (sia civile che militare) micidiale e soprattutto definitivo e irreversibile, gli OGM e la loro introduzione in un ambiente rendono definitiva e irreversibile la trasformazione che provocano.

 

Pamela Ronald, biotecnologa, 
e suo marito, contadino biologico.

Pamela Ronald, biotecnologa, e suo marito, contadino biologico.

Qualsiasi propaganda sulla gestione, sul contenimento e sul controllo che l’uomo può esercitare sul transgenico è una menzogna (come pensare di controllare i semi nel momento in cui sono inseriti nel ciclo della natura, come impedire al vento di trasportarli altrove, contaminando quell’altrove?) appunto perché la caratteristica della scienza contemporanea è proprio quella di essersi emancipata e resa autonoma da qualsiasi “controllo” dell’uomo. Sta proprio nella pretesa di controllare la vita (e nell’incapacità di riuscirvi) la radicale nocività del progresso a cui occorre opporsi. Il progresso invischia l’essere umano nelle sabbie mobili di una scienza che avvolge e trascina nel suo gorgo paludoso: dai contadini che non possono più scambiare e coltivare le proprie sementi, ma devono entrare nel ciclo, controllato dal mercato e dalle multinazionali, del seme prodotto, modificato e reso sterile; al malato di cancro la cui malattia è causata dall’ambiente in cui vive, inquinato, carico di scorie, prodotti ed elementi incompatibili con la salute e la vita – e che deve affidarsi a cure (chemio o radioterapia) che dello stesso principio perverso si nutrono.La scienza totale produce le cause di un malessere che nasce dalla manipolazione del mondo e degli esseri viventi che lo abitano, e, allo stesso tempo, ci fornisce le cure. È un apparato cui non si può sfuggire, perché non scisso da altri apparati: militare, accademico, burocratico, economico. È il criterio che regola la nostra società a essere totale.

Ecco quindi il Festival, che spiega quanto gli OGM non facciano male, il nanotech non sia invasivo, la vivisezione indispensabile e il nucleare pulito, che riduce i droni a innocui giocattoli… insomma quanto tutto ciò che uccide, distrugge, avvelena sia innocuo e addirittura bello, purché garantisca profitto e potere. Ogni eventuale dubbio dovrebbe essere fugato guardando chi sponsorizza gli eventi: banche, industrie farmaceutiche, Ministeri, Confindustria, di certo non benefattori ma soggetti che si muovono solo dove guadagnano, per un interesse privato.

Un mondo basato sugli interessi, i beni e gli affetti comuni degli esseri viventi non ha bisogno né di queste lobby di potere né delle invenzioni con cui vorrebbero arredare le nostre esistenze.

 

liberazioneanimalegenova.org

giustiniani19.noblogs.org

Giu 22

Papilloma: come difenderci dall’HPV e da chi ci specula – Mer 26

Posted on sabato, giugno 22, 2013 in comunicati

mercoledì ore 21.00 al fondo con le compagne autrici di un opuscolo informativo sull’HPV….

HPV_26-06

Mag 5

2 giorni contro AirFrance – KLM ed il trasporto di animali per la vivisezione

Posted on domenica, maggio 5, 2013 in comunicati

clicca sull’immagine per ingrandirla.

flyer_2giorni_definitivo_WEB

Mar 25

Earthlings e vegan buffet

Posted on lunedì, marzo 25, 2013 in eventi

earthling_web