RSS Feed
Set 14

Contro il piano Casa di Renzi….

Posted on lunedì, settembre 14, 2015 in comunicati

Contro il piano casa

Acqua, luce e residenze per tutti!

Chi decide di occupare non viene dalla Luna, è qualcuno con una vita comune, con problemi, ritmi e necessità simili a quelli di tanti altri. Si occupa perché non si hanno abbastanza soldi per pagare l’affitto, o abbastanza garanzie per ottenere un prestito; perché non si trova un lavoro fisso o non si trova lavoro affatto. Ancora, si occupa perché senza affitto i soldi che servono per sopravvivere sono un po’ meno, si sta meno con l’acqua alla gola e si migliora un poco la qualità della vita. Per un motivo o un altro, è la propria condizione sociale che porta ad occupare.

Le case vuote a Genova sono circa 20 mila, di proprietà pubblica, della Chiesa, o di banche o grandi proprietari immobiliari. Che non le usano e ci speculano. Non si occupano le case di altri poveracci, come una certa retorica giornalistica vorrebbe. E non è semplice: vuol dire organizzarsi, da soli o con altri, vuol dire costruire il proprio presente sull’assenza di sicurezze e garanzie, un’insicurezza a cui questa società ci sta sempre più abituando in ogni suo ambito. Non è facile ma è necessario, e a volte si costruisce una forza, insieme; si costruisce solidarietà, si esce da quell’isolamento continuo che viviamo e che rende i nostri problemi individuali irrisolvibili perché siamo sempre soli ad affrontarli. Insieme invece si possono risolvere, insieme si può resistere ad uno sfratto, insieme si può costruire un altro tipo di sicurezza, basata sull’aiuto reciproco, sulla lotta.

Istituzioni e grandi proprietari non vogliono permettere che le occupazioni si estendano, sebbene nelle grandi città sia ormai un fenomeno di massa. Non vogliono permetterlo perchè si trasmetterebbe un messaggio molto semplice: che lottando insieme si possono migliorare, da subito, le nostre vite.

E perché questo piccolo messaggio vale ovunque, vale sul lavoro come a scuola, come nei quartieri e – perché no? – vale anche in carcere, dove a volte si finisce proprio perché si è deciso di lottare. E se questo messaggio si diffonde, per i politici, per i padroni possono avvicinarsi tempi meno tranquilli: il loro potere e i loro privilegi, basati sulla nostra miseria, inizierebbero a scricchiolare.

Per questo attaccano chi lotta, con licenziamenti, denunce, arresti, con leggi mirate come l’articolo 5 del Piano Casa del governo Renzi: un articolo con cui si risolve la questione abitativa in modo semplice: rendendo ancor più difficile occupare, togliendo a chi occupa la possibilità legale di avere residenza e utenze regolari. Tradotto: non riesci a pagare l’affitto e quindi occupi?

Dovrai vivere senz’acqua e senza luce (anche se quelle potresti pagarle), e non avrai la residenza dove vivi (problema non da poco per la mutua, per i servizi, per scuole e asili).

Un attacco ai poveri, un assedio di classe a tutti gli effetti.

Gli effetti di questo attacco iniziano a farsi sentire in tutta Italia. A Genova l’occupazione di vico superiore di Pellicceria 1 (spazio abitativo e sociale attivo da quasi tre anni in zona Maddalena) è da mesi senz’acqua mentre a quella di via Gramsci 11, occupata a Giugno dal Movimento di lotta per la casa e proprietà di un ente religioso, è stata staccata la luce in piena estate. E’ un attacco che, potenzialmente, può coinvolgere migliaia di persone perché molte altre situazioni rischiano di subire la stessa sorte a breve o in futuro. Un attacco a cui non si può rispondere con vittimismi o elemosine perché ciò che attaccano è semplicemente la dignità di chi è stanco dei soprusi e si organizza per lottare e per vivere. E’ solo lottando ancora, quindi, che si può rispondere, che ci si può difendere.

Invitiamo quindi tutti coloro che si sentono coinvolti ad attivarsi nella lotta, nelle forme che ognuno riterrà più opportune, e a costruire una solidarietà concreta con l’obiettivo chiaro di conquistare praticamente da un lato l’accesso a bisogni essenziali per la sopravvivenza quotidiana, dall’altro la capacità di rispedire al mittente quest’ulteriore gabbia di debolezza e impotenza in cui il governo vorrebbe rinchiuderci.

A presto, nelle strade.   

 

Pellicceria occupata (senz’acqua)

volantino in pdf: Contro il piano casa

 

 

art5 DEF piccolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Set 3

Cena di autofinanziamento per il movimento di lotta per la casa – 10 settembre @ pellicceria

Posted on giovedì, settembre 3, 2015 in comunicati

eat rich pellicceria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu 14

Nuova occupazione abitativa a Genova – via Gramsci 11

Posted on domenica, giugno 14, 2015 in comunicati

Sabato 13 giugno….

Dopo le palazzine in via Pré e vico Sant’Antonio (zona Pré), occupate l’anno scorso, il movimento di lotta per la casa genovese prende possesso di un altro edificio, sempre in centro storico, in via Gramsci 11, proprio di fronte al porticciolo degli yacht…

Chiunque è invitato a passare…

di seguito volantino e qualche foto dell’occupazione..

Una nuova casa…

Sabato 13 giugno abbiamo occupato un edificio in Centro Storico. Appartamenti vuoti da tempo saranno nuovamente abitati da chi ne ha bisogno: perché una casa serve a tutti.

Ma in questa città c’è chi ce l’ha, una casa, e chi non ce l’ha. C’è anche chi ne ha molte, le affitta a caro prezzo e poi sbatte in mezzo alla strada chi non ha i soldi per pagare. C’è chi la casa te la sequestra perché non puoi più pagare il mutuo, c’è chi ne amministra decine di migliaia ma non le assegna mai, tenendole vuote per i propri affari o per incapacità. C’è poi chi le case le lascia sfitte attendendo l’aumento dei prezzi per poterci guadagnare speculando.

C’è anche chi amministra immensi patrimoni immobiliari, interessandosi più al bilancio annuale che ai bisogni dei poveri verso cui vorrebbe apparire caritatevole. Le case che abbiamo occupato sono una piccola goccia in quel mare di proprietà ecclesiastiche utilizzate per guadagnare, e non per rispondere ai bisogni. Ora nessuno ci speculerà più sopra, nessuno pagherà più un affitto per avere un tetto sopra la testa, ora quelle case risponderanno davvero, e senza scomodare la carità cristiana di papi e cardinali, ai bisogni di chi ci vive.

Come già è avvenuto per le case di Via Prè e molte altre, occupare queste case non vuol dire solo contrastare l’impoverimento generale, non solo sottrarle al mercato immobiliare e rallentare i processi speculativi, ma anche portare avanti un modo diverso di vivere. Se non vogliamo che i nostri quartieri diventino oasi per ricchi, speculatori e vetrine per turisti è necessario sviluppare un modo diverso di abitare le nostre strade, basato sull’aiuto reciproco e su rapporti solidali, facendo sì che i poveri si difendano e non siano più soli e isolati di fronte all’arroganza dei più forti che vorrebbero scacciarli.

Le occupazioni di questi anni, le resistenze agli sfratti, le lotte contro l’art. 5 e quelle per le residenze e le utenze, sono piccoli pezzi verso la costruzione di una forza sociale che possa opporsi alle logiche di profitto che determinano le nostre vite. Il movimento di lotta per la casa, in questa città, sta cercando proprio questo: organizzandosi a partire dai propri bisogni, confrontandosi con chi condivide tali necessità, mettendo in comune le nostre difficoltà, ma anche i nostri desideri e i nostri sogni.

 

Venite a trovarci in via Gramsci 11

 

nuova

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
WP_20150613_005

 

 

 

 

 

 

 

 

WP_20150613_006

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen 14

Sgomberate le case di vico del Duca

Posted on mercoledì, gennaio 14, 2015 in comunicati

 

duca1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen 5

Aperitivo musicale a sostegno del Movimento di lotta per la casa / 9 gennaio

Posted on lunedì, gennaio 5, 2015 in comunicati

 

ape mov casa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov 10

AD OGNI SGOMBERO UNA NUOVA OCCUPAZIONE!

Posted on sabato, novembre 10, 2012 in comunicati

Oggi, nella mattinata del 10 Novembre, alcuni compagni hanno rioccupato per alcune ore lo stabile in via dei Giustiniani 19.

A causa dell’immediato intervento della digos e di polizia e carabinieri in assetto antisommossa, che non permettevano ai compagni e ai solidali presidianti di avvicinarsi allo stabile, non è stato possibile aprire e liberare dalle lamiere l’edificio sgomberato lo scorso 7 agosto.

Adducendo la motivazione dello stato di sequestro del palazzo, il PM Scolastico ha disposto immediatamente l’ordine di sgombero e d’arresto dei compagni.

Dopo lunghe trattative, mirate a garantire l’incolumità degli occupanti e il recupero delle attrezzature, la casa è stata abbandonata e i ragazzi all’interno identificati.

Non intimiditi/e da questo atto repressivo, poche ore dopo abbiamo occupato un palazzo di proprietà della Telecom in Vico Superiore di Pellicceria 1 (dietro il coro di San Luca). All’interno di esso verrà portato avanti il progetto di autogestione e le attività sociali che avevamo intenzione di riavviare nello spazio di Giustiniani 19.

Nei prossimi giorni vi aggiorneremo su assemblee ed iniziative. Lo spazio è aperto a nuove proposte.

Nessuno sgombero fermerà la nostra lotta. Da oggi ci troverete nella nuova occupazione e, come sempre, in ogni situazione di conflitto sociale.

 

UNITI/E CONTRO LA REPRESSIONE,

OCCUPAZIONE E AUTOGESTIONE.

 

Le/gli occupanti di Vico Superiore di Pellicceria 1

Set 13

A.A.A. prendesi casa… in tempi di crisi.

Posted on giovedì, settembre 13, 2012 in comunicati

A.A.A. prendesi casa… in tempi di crisi.

Come ogni anno Genova accoglie in piazza Caricamento la Festa Democratica.

Tra uno stand della Folletto, una piadina romagnola e dibattiti di basso livello il Partito Democratico rivela sempre di più la sua natura: un partito di amministratori in un epoca in cui amministratore coincide sempre più con affarista. Da anni non ha neanche più pretese pseudoriformiste, più che altro il PD fa affari. Li fa sulla sua Festa, dove le paghe sono misere e in nero, li fa sul Terzo Valico, li vorrebbe fare sulla Gronda.

A livello nazionale i suoi dirigenti sono perfettamente inseriti nella casta, intenzionati a rimanere al potere e in perfetta linea con le direttive europee sulle misure economiche e sull’austerity.

Dove il PD non fa affari, difende quelli altrui. Un partito di affaristi non può che governare in nome dell’economia, difendendo il profitto, privatizzando, svendendo, garantendo la speculazione edilizia e immobiliare.

Ieri alla Festa Democratica si parlava di casa (“A.A.A. Cercasi casa in tempi di crisi“). Non siamo andati a dire la nostra. Cosa dovremmo dire a chi parla di cose che non conosce? O a chi, se le conosce, si trova nell’impossibilità materiale di poterle affrontare? In un comunicato stampa del Ferragosto scorso in riferimento alle occupazioni di piazza delle Vigne 4 e vico Untoria 3 la Giunta invitava al dialogo e dichiarava di “prestare la massima attenzione all’emergenza casa” e di porsi in continuità con l’amministrazione precedente.

Si riferiscono forse all’Agenzia sociale per la Casa creata dalla Giunta Vincenzi, quella che pone come criteri minimi per potervi accedere un reddito tra i 10500 e i 30600 euro e non avere mai avuto sfratti per morosità?

Viene da ridere e verrebbe da chiedersi dove dovrebbero vivere i disoccupati, i clandestini, i precari, i lavoratori in nero, gli sfrattati… ma abbiamo poca voglia di stare a scherzare.

Le amministrazioni pubbliche e la Politica in generale non hanno ne la volontà ne la possibilità di risolvere le decine di emergenze sociali che ci troveremo ad affrontare nei prossimi tempi, si tratti di licenziamenti, rincari, sfratti.

In questo senso l’operazione Doria è doppiamente pericolosa perché si pone come un governo (falsamente) vicino ai cittadini e partecipato; soprattutto Doria è pericoloso perché vorrebbe illuderci di potersi svincolare dai poteri forti locali, in nome dei quali in realtà amministra la città.

Ciò che non produce profitto non può essere interessante per chi detiene il potere, a prescindere dal colore e dalla bandiera. Non c’è alcuna democrazia partecipativa che tenga, nessun neowelfare possibile all’orizzonte.

Di cosa dovremmo dialogare quindi?

Oggi occupiamo l’edificio di vico del Duca, a dieci metri da Palazzo Tursi, perché è vuoto da anni, come molti altri. Non a caso è di proprietà del Comune, ristrutturato ma non terminato, appetibile perché a due passi da Via Garibaldi, problematico perché a quattro passi dalla Maddalena. Si attendono tempi migliori, immaginiamo, con maggiori profitti e magari con una bella riqualificazione del quartiere che allontani poveri e immigrati.

Apriamo, solo per qualche ora, l’ennesimo spazio vuoto per mostrare cosa e chi c’è dietro alla speculazione immobiliare e all’emergenza abitativa, e che gli spazi, per chi ne ha bisogno, ci sono.

Lo occupiamo soprattutto per mandare qualche messaggio.

Quello che abbiamo è quello che ci siamo presi e dove siamo restiamo. Se le autorità pensano di sbarazzarsi di noi mettendo le mani sulle Vigne e Untoria così come hanno fatto con Giustiniani, a suon di sgomberi e denunce, ci troveranno alle loro porte, nelle strade e chissà dov’altro ancora.

A tutti coloro che sono in condizioni simili alle nostre o semplicemente si sono stancati di fare un lavoro di merda per pagare affitti indecenti e vivere con l’acqua alla gola, diciamo che bisogna resistere, perché ci stanno togliendo anche quel poco che ci resta!! Bisogna iniziare ad organizzarsi, perché nessuno altrimenti ci concederà alcunché.

Tutto ciò che ci manca e che ci viene negato è da sempre nelle mani dei soliti.

E’ giunta l’ora di allungare le mani.

Le case sfitte a Genova sono 44mila.

Prendiamole, occupiamole, perché basta poco. A volte basta una pedata ad una porta.

vigne 4 occupato, untoria 3 occupato,

giustiniani19 in esilio, amici e solidali

fipbalbi4 11/09/12

testo distribuito l’11 settembre in via Garibaldi e in zona maddalena durante la temporanea occupazione di Vico del Duca e la sera alla festa del PD durante l’intervento di Marco Doria…

Set 1

I ricchi a Begato, nei vicoli ci stiamo noi!

Posted on sabato, settembre 1, 2012 in eventi, locandine

scarica pdf opuscolo – clicca qui

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago 17

Dialogare con chi? Partecipare a cosa?

Posted on venerdì, agosto 17, 2012 in comunicati, primo piano

Abbiamo letto con interesse gli articoli sulla stampa genovese di questi giorni riguardo alle ultime occupazioni in città.

Abbiamo letto anche le dichiarazioni dei responsabili di A.r.t.e. e di Arred così come quelle del sindaco Doria e il comunicato stampa del Comune di Genova.

Anche l’ex segretario CGIL ed ex sceriffo di Bologna Sergio Cofferati ne ha approfittato per uscire dalla scarsa considerazione pubblica di cui gode ultimamente. A parte invocare per chi occupa la “tolleranza zero”, e lui è un esperto, non si capisce uno che campa con lo stipendio da europarlamentare e che ha passato la vita a distruggere le condizioni materiali di milioni di proletari, cosa possa saperne e come possa permettersi di parlare di “bisognosi”.

Si fa un gran parlare e pare che sull’esigenza abitativa tutti si mostrino improvvisamente molto sensibili.

Evidentemente le recenti occupazioni e sgomberi stanno costringendo gli amministratori cittadini a prendere una posizione su un dramma sociale di cui sono tra i primi responsabili: centinaia di persone sono senza un tetto o nell’impossibilità materiale di permetterselo, al contempo migliaia di case restano vuote, sfitte, per pura speculazione, per mantenere alti i prezzi del mercato immobiliare. Qualcuno, non solo noi e ci mancherebbe altro, occupa.

Ora però, di fronte a questo teatrino mediatico montato, alcune cose devono uscire dall’ambiguità.

Intanto, Vladimiro Augusti, amministratore unico di Arte, ha poco da preoccuparsi per “gli affreschi e il patrimonio artistico da preservare” di Vigne 4. Strano che non l’abbiano preservato in questi ultimi quindici anni, in cui, come al solito, si sono preoccupati solo della facciata. Chiunque può venire a vedere lo stato di degrado e incuria in cui giace l’edificio, anche solo attraverso la mostra fotografica allestita ogni giorno in piazza delle Vigne. Non c’è nessun danneggiamento in atto, peggio di loro non possiam fare.

Noi abbiamo occupato Vigne 4 e vico Untoria 3 in conseguenza allo sgombero di Giustiniani 19.

Ci hanno tolto le case e gli spazi sociali. Ce ne siamo presi altri.

Il gioco dello scaricabarile non può durare a lungo. La Giunta si assuma le sue responsabilità, altrimenti che si prenda atto di quanto poco la Procura e la Questura locali la tengono in considerazione.

Detto questo, la lotta per la casa non si esaurisce con le occupazioni di qualche antagonista: a breve in molti dovranno scegliere come organizzarsi di fronte alla crisi e alla miseria che avanza. Se condurre una vita di stenti e sacrifici o iniziare a non pagare, non pagare più per arricchire i soliti.

Ci auguriamo di essere presto solo alcuni tra i tanti, al loro fianco.

Noi non abbiamo troppo questionato la lentezza delle assegnazioni: essa è un fatto storico e connaturato nei suoi meccanismi burocratici, utile perché più la gente sta in attesa, con l’acqua alla gola, più è ricattabile.

Abbiamo piuttosto contestato il bando di Untoria in sé stesso e quanto scrive Tursi nel suo comunicato stampa conferma le ragioni per opporvisi.

Il comune dice che “le tipologie di reddito e le condizioni per l’assegnazione differiscono a seconda degli interventi proprio per garantire… in definitiva l’accesso alla casa anche per le persone a bassissimo reddito”.

Il suo progetto è quindi di collocare le persone in modo classista. Cosa significa?

Significa, per chi conosce i risultati storici di una certa urbanistica, Edilizia Popolare, significa appartamenti fatiscenti, servizi inesistenti o quasi, significa Begato, il Cep, piazzale Adriatico, il Biscione, significa i poveri ammassati nelle periferie, nei quartieri dormitorio accanto ai veleni industriali o nel bel mezzo della cementificazione più selvaggia.

Hanno costruito le città a misura di profitto, hanno trattato le valli, i quartieri e le persone come pedine sullo scacchiere dei loro interessi.

Lo hanno fatto per decenni. Altri anni? Altri politici? Altri modelli di sviluppo?

No, sono sempre gli stessi. E sono gli stessi di sempre. Dalle loro villette d’Albaro, nei palazzi di Castelletto o via Garibaldi, pretenderebbero ancora di decidere chi deve abitare dove e cosa dev’essere riqualificato e come.

Pretendono ancora di bucare le montagne, di espropriare le case della gente, di costruire infrastrutture devastanti utili solo a padroni e mafiosi. Sono ancora lì, mentre piovono licenziamenti, debiti, sfratti, tagli a qualsiasi cosa, a dirci, senza alcuna vergogna, che dobbiamo andarcene dall’occupazione di Vigne 4 perché devono spendere quattro milioni di euro per farci un museo del cioccolato!

Dovremmo davvero dialogare con loro? Per partecipare a cosa?

Pensano ancora di poterci imporre delle “condizioni imprescindibili” dopo che ci hanno tolto tutto?

Dovremmo avere “rispetto per una democrazia e una legalità” che esistono unicamente per garantire il privilegio e bastonare chi alza la testa?

Vincenzo Scolastico, il pm che ha richiesto lo sgombero di Giustiniani 19, che da mesi riempie di denunce noi, gli studenti, gli operai Fincantieri e che prova a teorizzare improbabili reati associativi, è stato sollevato dall’incarico Antimafia per collusione con… la mafia.

Hanno poco da farci la morale, ma soprattutto, sia chiara una cosa: noi non abbiamo mai firmato nessun contratto sociale, non abbiamo mai partecipato alla definizione di regole comuni, tantomeno leggi, con chi ha la pretesa di governarci. Il loro potere non ha alcuna legittimità e deriva solo dalla loro forza, dal monopolio della violenza, che è quella che mettono in campo quando qualcuno si ribella: manganelli e galera.

Il problema della casa non è un problema nostro ma di tutti. Precisamente, la casa è una piccola parte della più ampia questione sociale. Qui non c’è nessuna guerra tra poveri. Se c’è una guerra in corso è quella condotta contro i poveri.

E’ una guerra quotidiana ed eterna. Si tratta di subirla o reagire.

Noi siamo tra quelli che tentano di non subire solamente. Vogliamo indietro tutto, e lo vogliamo per tutti.

Possono sgomberarci ancora, possono blindare tutti i palazzi vuoti che apriremo, possono mettere la celere davanti a ogni portone. Noi continueremo per la nostra strada, perché crediamo che solo noi, col nostro agire diretto possiamo soddisfare i nostri bisogni, che solo attraverso la lotta autonoma si possano ottenere dei risultati concreti.

Chiedendo, protestando, niente ci verrà concesso.

Continueremo a difendere quel che conquisteremo. Soprattutto continueremo a difendere l’affetto e la solidarietà ricevuta in questi giorni e in questi mesi. Quelli che decidono nei Palazzi del potere non possono capirlo ma questo è quello che ci fa andare avanti, che ci dimostra di essere sulla strada giusta. La convinzione delle nostre possibilità, di quel che possiamo costruire insieme ad altri è più forte dei manganelli e delle minacce.

Noi andiamo avanti. Non cediamo alle intimidazioni.

10 100 1000 occupazioni.

centro storico genovese, Ferragosto 2012

quelli/e di Giustiniani 19, di Vigne 4 occupata, di vico Untoria 3 occupato, amici e compagni

Ago 12

Ci togliete la casa, ci riprendiamo tutto – Occupato vico Untoria 3

Posted on domenica, agosto 12, 2012 in comunicati

Oggi 12 agosto prendiamo possesso dei sei appartementi di Vico Untoria 3, nel Ghetto del centro storico genovese. Li occupiamo perché siamo tutti senza una casa, da quando, martedì 7 agosto, le autorità genovesi hanno deciso di sgomberarci dalla casa occupata di via dei Giustiniani 19. Li occupiamo perché non possiamo permetterci un affitto e perché riteniamo giusto e legittimo non pagarlo nel momento in cui decine di migliaia di spazi, abitativi e non, vengono lasciati vuoti e inutilizzati dalle amministrazioni pubbliche, dalla Chiesa e da ricchi privati di vario genere per mantenere alti i livelli del mercato immobiliare. Li occupiamo perché vogliamo continuare a vivere insieme, perché crediamo che l’autorganizzazione e la condivisione reale siano anch’esse modi per fronteggiare la miseria materiale e affettiva a cui l’attuale società costringe tutti quanti.

Occupiamo questo edificio consapevoli che a fine mese partirà un bando di concorso per la sua assegnazione.

I proprietari, Ri.Genova e il Comune, diranno che rubiamo le case ai poveri, che ostacoliamo un progetto sociale, un esempio concreto di sana gestione della “cosa pubblica”.

Non è così. Abbiamo letto il bando e abbiamo capito le reali intenzioni del Comune e di Ri.Genova su questo edificio e sulla generale riqualificazione di questa fetta di centro storico.

Abbiamo capito che per la giunta Doria, quella dell’amministrazione partecipata, la giunta vicina ai cittadini, per avere “diritto” ad una casa bisogna, sostanzialmente, non essere poveri. Di fatto bisogna avere tutte quelle garanzie sociali che da anni stanno venendo meno come un lavoro fisso e un reddito stabile. E’ necessario non avere debiti con Equitalia o enti affini, non aver subito sfratti per morosità (proprio nella città che ne presenta, con il 73%, la più alta percentuale d’Italia); meglio ancora essere una coppia etero e un nucleo familiare tradizionale.

Tutti questi criteri di assegnazione evidenziano uno scollamento dalla realtà sociale fatta di precarietà, disoccupazione, indigenza e la volontà di escludere una buona fetta di popolazione con bisogni e necessità urgenti, dettati proprio da quelle condizioni materiali e umane non considerate prioritarie dal Comune. Si escludono anche tutte quelle forme di convivenza e condivisione non normate, liberamente scelte e praticate come sostegno e appoggio reciproco alternative alla famiglia tradizionale.

Si tratta di una scelta precisa che mostra quale tipo di riqualificazione l’amministrazione vuole attuare, guardando anche agli altri interventi che si stanno portando avanti.

Il quartiere del Ghetto, oggi presentato come una delle zone buie del centro storico, in mano al degrado, allo spaccio e alla criminalità, con un’altissima precentuale di immigrati, dovrebbe subire quella serie di interventi urbanistici tipici ormai di moltissimi centri cittadini d’Europa e nota come gentrification: rimessa a nuovo estetica, innalzamento dei prezzi immobiliari e commerciali, espulsione dei suoi storici abitanti e comunità popolari ed inserimento di nuove fasce di popolazione abbienti per rimodellarne il volto.

Non vi sarà alcun posto, nel Ghetto del futuro, per chi lo vive, lo anima e lo valorizza con la sua presenza. Piuttosto diventerà una vetrina chic per i turisti, con la sua particolarità storica mantenuta solo di facciata, abitato da manager e ricchi con pruriti alternativi.

Un processo di questa portata non si realizza da un giorno all’altro. Non sarebbe possibile, oggi, alzare di molto il valore immobiliare reale di questo quartiere. E, soprattutto, nessun ricco vi si inserirebbe, ora.

Ecco il perché di un bando simile. Inserire una fascia di popolazione intermedia che contribuisca a modificare a poco a poco la realtà sociale, spostando progressivamente i poveri lontano dal centro e ammassandoli nelle periferie.

Noi rifiutiamo di accettare la completa distruzione della comunità umana, del carattere popolare dei quartieri che ancora la conservano. Pensiamo che solo i rapporti reali e concreti della gente che li abitano possano valorizzarli e renderli vivi.

Noi non riconosciamo all’amministrazione comunale alcuna leggitimità per decidere sui nostri e altrui bisogni. Per queste ragioni ci riprendiamo una piccola parte di ciò che è anche nostro.

Noi siamo gli invendibili, gli incollocabili, quelli che, come tanti, non corrispondono ai criteri dell’assegnazione.

Da oggi siamo qui.

Il bando è chiuso.

giustiniani 19 in esilio

Nov 11

Presentazione dell’esperienza torinese degli Orti Urbani + cena

Posted on venerdì, novembre 11, 2011 in eventi

venerdì 18 novembre, alle h.18
ALLA CASA OCCUPATA DI VIA GIUSTINIANI 19

“Allora forse questa bella crisi che travolge ogni certezza può rappresentare un’opportunità: invece dell’ennesimo motivo per continuare a lamentarsi e sprofondare tra miseria e rassegnazione, può esser l’occasione di reagire, iniziando a riprenderci ciò di cui abbiamo bisogno. A cominciare da un pezzetto di terra abbandonato davanti a casa.”

Da due anni e mezzo gli orti urbani di Mirafiori aggregano decine di persone in un’esperienza di autorganizzazione e autogestione, di contrapposizione di momenti di socialità, condivisione e vita al modello “casa-lavoro-supermarket”.
Ne parliamo con alcuni ortolani torinesi.

* per l’occasione verrà anche presentato l’opuscolo di H.Bey, Avant-gardening, Nautilus, 2011
* a seguire cena di autofinanziamento (prenotarsi entro la sera precedente alla mail giustiniani19[at]canaglie.org)

“Torino, Mirafiori-Lingotto. Alveare di cemento costruito intorno alla Fiat. Quartiere operaio nato da un vero e proprio esodo, che ha ammassato uomini e donne a ridosso delle fabbriche in cui, giorno dopo giorno, naufragava il miraggio di una vita più libera e felice. Tanti sono morti tra macchinari e catene di montaggio, chi stroncato da incidenti mortali chi consumato lentamente da cosiddette “malattie professionali”. Quasi tutti hanno capito l’inganno che stava dietro alla promessa di un radioso futuro garantito dalla produzione industriale.
Da circa un decennio, a ridosso della ferrovia, languono alcuni terreni di proprietà di enti pubblici. Per anni questi pezzi di terra sono stati vissuti dagli abitanti del quartiere, trasformati in orti urbani e in luoghi di incontro e socialità, spazi e momenti sottratti al ritmo della fabbrica. Oggi, solo una piccola parte di questi terreni è ancora coltivata da abitanti della zona, mentre la gran parte è stata sgomberata e recintata; si è preferito imporne l’abbandono piuttosto che permettere a qualcuno di ritagliarsi questo pur minimo spazio di autonomia…
Noi, oggi, abbiamo deciso di riappropriarci di ciò che ci è stato sottratto, a cominciare da queste terre, facendone nuovamente degli orti da condividere con chiunque, del quartiere o meno, ne abbia desiderio”.
Torino – 22 marzo 2009, Ortolani di ventura a Mirafiori

Ott 29

Una risposta alla crisi. Un primo passo vestro i nostri desideri

Posted on sabato, ottobre 29, 2011 in comunicati, locandine, primo piano

Questa mattina è stato occupato uno stabile di più piani al civico 19 di via dei Giustiniani nel centro storico a genova.
L’edificio è del demanio ed era disabitato da svariati anni. L’occupazione vuole essere un modo di coniugare l’esigenza abitativa di alcuni degli occupanti con la necessità di avere un posto pubblico di cui il quartiere può tornare ad usufruire.
Domani domenica 30 ottobre alle ore 16.00 si terrà un’assemblea pubblica.
Di seguito il testo del volantino distribuito…

29 ottobre 2011. Abbiamo occupato uno stabile in via dei Giustiniani 19.
Abbiamo occupato perché abbiamo bisogno di case, di luoghi in cui vivere dignitosamente, perché siamo stanchi di buttare i nostri miseri stipendi in affitti indecenti. Perché il modo in cui ci costringono a inseguire la nostra sopravvivenza, soli e isolati, è la maniera migliore per impedirci di essere solidali, di organizzarci per rendere le nostre vite qualcosa di bello.
Siamo uomini e donne diversi per età e percorsi di vita, ma uniti da bisogni concreti molto simili e dalla comune volontà di organizzarsi per soddisfarli.
Abbiamo occupato perché abbiamo bisogno di spazi in cui costruire ciò che non abbiamo: un luogo di incontro dove costruire rapporti di mutuo appoggio, un ambito in cui discutere e divertirsi, uno spazio per noi e per il quartiere, per mangiare e per studiare, per adulti e per bambini, uno spazio di tutti coloro che lo vivono e lo sentono proprio.
Vogliamo uscire dagli ambiti classici della “politica”, dai suoi linguaggi ideologici, dai suoi dogmatismi.
Siamo qui perché vogliamo opporci al richiamo costante alla guerra tra poveri, all’erosione continua della comunità umana, quella comunità che è l’unico soggetto in grado di resistere e porre le basi di un’esistenza “altra”, viva, solidale, quella comunità che si crea quando gli uomini e le donne si occupano direttamente di ogni ambito della loro vita, quando provano a vivere liberi. Insieme.
Siamo qui per provarci ancora una volta, per ricominciare da quello che siamo e da quello che vorremmo essere.

Lo spazio è aperto da subito, siete tutti invitati, portate quello che pensate possa essere utile.

Sabato dalle 18.30 aperitivo musicale.

Domenica dalle 16.00 merenda – assemblea pubblica.